giovedì 12 dicembre 2019 - ore 07:25
Santa Domenica Scorrano

Santa Domenica Scorrano

Quando: 05/07/2013 - 07/07/2013

Dove: P.zza Vittorio Emanuele, 53 - 73020 Scorrano |73020 - Scorrano | Mappa



Descrizione

Scorrano è un piccolo centro della provincia di Lecce, conosciuto per la maestosità dei festeggiamenti della sua Santa Patrona: Santa Domenica.


Le celebrazioni si volgono dal 5 al 7 di Luglio, giorni in cui non solo è in festa tutta la comunità di Scorrano ma anche tutti gli abitanti dei centri limitrofi vengono coinvolti e attirati dalla commemorazione alla Santa.


Tornando indietro nel tempo, purtroppo, non si ha un riscontro di dati così certo che consenta di risalirne a delle origini ben definite, ecco perché la ricostruzione della sua vita è, molto probabilmente, frutto di storie presunte e leggende tramandate. Le fonti da cui si è attinto hanno, da sempre, seguito due filoni:


- Latino, secondo il quale la giovane donna sarebbe vissuta in Calabria, nelle vicinanze di Tropea, e poi trasportata in Puglia ma solo dopo il suo martirio;
- Greco, per cui la Santa nacque in Calabria, o in Asia Minore, nel 287 d.c. e poi giustiziata a Nicomedia.


Domenica, o Ciriaca (a seconda che si dia credito alla tradizione orientale o a quella latina), venne martirizzata nei primi secoli della diffusione del Cristianesimo, sotto l'impero di Diocleziano. Morì nel 303 d.c. dopo essere stata perseguitata e condannata a morte. In quel periodo, il potere temporale aveva letteralmente vietato l'osservanza e l'adorazione del Cristo Gesù, imponendo invece l'adorazione di molteplici divinità. Domenica si era sempre rifiutata a quest'obbligo e si ribellò per seguire il suo Credo. Questo la portò alla condanna a morte.


La leggenda che narra della sua fine è sconvolgente per i particolari legati alle torture a causa delle quali la donna perì. Addirittura, si racconta che si verificarono degli episodi che ebbero davvero del miracoloso e che portarono alla conversione al Cristianesimo delle tante persone che assistettero ai supplizi della donna. Venne messa al rogo ma il suo corpo non bruciò, quindi si decise di darla in pasto ai leoni ma questi rimasero impassibili davanti al sua persona, rifiutandosi di sbranarla. La pena venne mutata in decapitazione ma, secondo quanto ci tramanda la tradizione orientale, non avvenne perché la donna spirò poco prima che venisse decapitata. Le fonti latine tramandano che il suo corpo, venne trasportato dagli angeli a Tropea, in Calabria, nel luogo dove tutt'oggi sono conservate le sue reliquie.


Ad ogni modo, indipendentemente dalla sue origini, in un momento particolare della storia della comunità di Scorrano, la Santa decise di intervenire il soccorso alla popolazione afflitta dalla peste. In quel periodo (1600) il perdurare di questa epidemia, seminava morte e paura tra la popolazione, quando una notte la Martire apparve in sogno ad un'anziana donna. Nel sogno, Santa Domenica le comunicò che lei stessa aveva deciso di diventare la Protettrice del paese e che, da quel momento, avrebbe liberato le genti dal morbo e così fu. Da allora in poi, si diffuse una tradizione molto sentita tra la popolazione (soprattutto da chi veniva guarito dagli effetti mortali della peste), cioè quella di accendere una lampada a olio sul balcone della propria abitazione, prima di tutto come segno di riconoscenza e poi come dimostrazione e segno tangibile della grazia ricevuta. E’ da questa consuetudine che ha origine la tradizione delle luminarie, diventate il simbolo della festa che nel tempo hanno sostituito le lampade a olio. In aggiunta, ultimamente, si è assistito anche all'inserimento di metodologie di illuminazione più moderne: lampade a led, micro luci, flash fino ad arrivare agli immancabili fuochi pirotecnici, che danno alla festa quel tocco di spettacolarità e risalto che, in questi anni è andato al di là dei confini regionali.


La mattina del 6, si può assistere alla processione, che parte nelle prime ore della giornata proprio dalla Chiesa dedicata alla Santa. Un interesse particolare desta il comportamento di numerosi fedeli che, con le loro donazioni di oggetti in oro e preziosi vari, manifestano così la devozione alla Santa Patrona. Un altro fatto degno di nota è quello che si verifica nei momenti precedenti la processione, ossia l'asta, durante la quale si decide chi saranno i 4 uomini che porteranno il baldacchino (contenente la statua) in processione. Generalmente l'asta viene regolata da un veterano il quale annota su un quaderno tutte le offerte, i rilanci e le aggiudicazioni. Definita questa pratica, il corteo parte e attraversa tutte le vie del paese, con al seguito, oltre che dei fedeli, anche della banda musicale. Si conclude dopo qualche ora, all'incirca verso l'ora di pranzo, con il rientro nella stessa Chiesa da cui era partita e con la deposizione della statua nell'altare maggiore.


Video

Santa Domenica Scorrano  Santa Domenica - 2012 - Scorrano




Santa Domenica Scorrano  EventiMagazine Live - 2013



Speciale video della spettacolare accensione delle luminarie più grandi al mondo.
Scorrano, piccolo centro abitato nei pressi di Maglie, è rinomato per le celebrazioni della Santa Patrona, che ricorrono ogni anno nei primi giorni di Luglio.


[www.eventimagazine.it]


FACEBOOK

TWITTER